Biografia (Italiano)

[:en]

“La voce di Joel Prieto, facilmente prodotta e dalla grande forza, che con facilità mantiene un timbro di grande bellezza (la sua “Aura Amorosa” è stata una masterclass nel legato) ha dato vita a Ferrando”.

The Huffington Post

Dopo essere stato premiato all’unanimità con il primo posto del premio Operalia 2008 sponsorizzato da Placido Domingo, Joel Prieto è diventato uno dei più ricercati artisti della sua generazione, cantando nella maggior parte dei più prestigiosi teatri e sale da concerto del mondo. Nato in Spagna e cresciuto a Porto Rico, affascina il suo pubblico apportando profondità e sottigliezza ai suoi ruoli da protagonista, rendendo i suoi personaggi pieni di vitalità, eleganza e bellezza.

Joel Prieto inizierà la stagione 2017-2018 con Les Troyens alla Semperoper Dresden e con un Concerto di Natale al Centro de Bellas Artes di Porto Rico con il Coro San Juan Bautista e con la Sinfonica de Puerto Rico. Con il nuovo anno tornerà al Teatro Real per la prima a Madrid di Street Scene, di Kurt Weill; canterà il Requiem di Mozart a Porto Rico in un concerto nella programmazione del Festival Casals per poi tornare al Teatro Municipal di Santiago del Cile con il ruolo di Don Ottavio nel Don Giovanni, di Mozart. Prima dell’estate lo aspettano altre recite di Street Scene al Teatro Real di Madrid.

Nella stagione 2016-2017 vanno messi in risalto la sua partecipazione nel ruolo di Bénédict in una nuova produzione di Béatrice et Bénédict del Théâtre du Capitole di Toulouse (Francia); il suo debutto al Teatr Wielki di Varsavia come Tamino in Die Zauberflöte, che in seguito ha cantato anche al Teatro Bolshoi di Mosca e a Beijing nell’innovativa produzione di Barry Kosky y Suzanne Andrade per la Komische Oper Berlin; la Nona Sinfonia di Beethoven che ha cantato con la NHK Symphony Orchestra nel suo debutto a Tokyo. Prieto ha iniziato il 2017 con il suo primo Belmonte in Die Entführung aus dem Serail alla Los Angeles Opera, e ha interpretato lo stesso ruolo anche in una nuova produzione del titolo di Mozart nella storica Semperoper di Dresda durante la primavera e l’estate.

Nella stagione 2015-2016 sono da evidenziare il suo debutto al Teatro Real di Madrid come Tamino in Die Zauberflöte, il suo ritorno alla Staatsoper di Berlino cantando per la prima volta il ruolo di Steuermann in Der fliegende Holländer; ha debuttato al Aix-en-Provence Festival come Ferrando in una nuova produzione di Così fan tutte, un titolo che ha cantato anche al Festival di Edimburgo e al Mostly Mozart Festival al Lincoln Center di New York; oltre ad aver cantato il ruolo di Narraboth in versione concerto di Salomè con l’Orchestre National de Lyon.

Nella stagione 2014-2015 Joel Prieto è tornato al Gran Teatre del Liceu di Barcellona e ha debuttato al Festival di Spoleto, entrambe le volte come Ferrando in Così fan tutte; ha cantato Tamino in una nuova produzione al Teatro Municipal di Santiago del Cile; ha interpretato per la prima volta il personaggio di Fernando de la zarzuela Doña Francisquita al Théâtre du Capitole de Toulouse ed è tornato alla Opera di Porto Rico, questa volta come Ernesto nel Don Pasquale; ha debuttato al Santa Fe Opera ritornando nel ruolo di Belfiore in una nuova produzione de La finta giardiniera di Mozart, diretto da Harry Bicket; ha viaggiato a Mosca per offrire il suo primo concerto in Russia alla Dom Muzyki Chamber Hall, accompagnato al pianoforte da Semjon Skigin e ha cantato il suo primo Requiem di Mozart con la Houston Symphony diretta dal suo nuovo direttore musicale, Andrés Orozco-Estrada.

La stagione 2013-2014 ha incluso il suo ritorno alla Deutsche Oper di Berlino in una nuova produzione di Falstaff firmata da Christof Loy, Don Ottavio nel Don Giovanni e Iopas in Les Troyens alla Staatsoper di Berlino, tornando poi come Tamino, con René Pape, e facendo il suo debutto come Narraboth, diretto da Zubin Mehta; si è esibito al Festival di Glyndebourne in una nuova produzione di La finta giardiniera e ha interpretato per la prima volta Nemorino de L’Elisir d’amore, presso l’Opera di Porto Rico; nel settore concertistico, ha partecipato come tenore solista in una serata di gala di Natale a Vienna trasmessa in televisione, condividendo il palco con Angelika Kirschlager, Luca Pisaroni, Ursula Langmayr, la Wiener Knaben Chor e la Radio Symphonieorchester Wien.

Nelle stagioni passate Joel Prieto ha cantato Fenton alla Royal Opera House, Covent Garden di Londra, al Gran Teatre del Liceu e al Théâtre du Capitole de Toulouse; Don Ottavio al Festival di Salisburgo e alla Houston Grand Opera; Ferrando alla Bayerische Staatsoper di Monaco, al Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia, alla Washington National Opera, al Grand Théâtre de Luxembourg e alla Palm Beach Opera; Tamino alla Deutsche Oper di Berlino e alla Staatsoper di Berlino; Tebaldo de Romeo et Juliette alla Deutsche Oper di Berlino e un concerto alla Concertgebouw di Amsterdam; Ernesto nel Teatro dell’Opera di Roma, e Almaviva ne Il Barbiere di Siviglia all’Opera Porto Rico.

Joel Prieto ha collaborato con direttori come Fabio Luisi, Yannick Nézet-Séguin, Trevor Pinnock, Robin Ticcati, Daniele Gatti, Roberto Abbado, Ivor Bolton, Ottavio Dantone, Daniele Callegari, Zubin Mehta, Bruno Campanella, Adam Fischer e direttori di scena come Sir David McVicar, Robert Carsen, Claus Guth, Christof Loy, Francisco Negrin, Stephen Lawless, Daniel Satler, Emilio Sagi, Harry Kupfer, Frederic Wake-Walker e Hans Neuenfels, oltre a molti altri.

Ha cantato la Grande Messa in do minore di Mozart al Festival di Salisburgo, lo Stabat Mater di Haydn al Mozarteum di Salisburgo, La Creazione di Haydn al Teatro de la Maestranza di Siviglia e all’oratorio Die Geburt Christi, di Herzogenberg, nel Monastero di Wolhusen in Svizzera. Ha partecipato a una serata di gala a beneficio dal Pakistan con Anna Netrebko, Erwin Schrott, Anna Prohaska e Piotr Bezcala, alla Bergen Nasjonale Opera gala con Barbara Frittoli in Norvegia, e il Bad Kissingen Music Festival Gala. Ha inoltre offerto un recital alla Wigmore Hall di Londra insieme al pianoforte di Ian Burnside nel prestiogioso ciclo del Rosenblatt Recital.

Joel Prieto è nato a Madrid; sua madre è portoricana e suo padre è spagnolo. All’età di quattro anni si è trasferito a Porto Rico, dove è cresciuto, e attualmente vive tra Parigi e Berlino. Laureatosi presso la Manhattan School of Music, si è trasferito in Europa per motivi professionali, prima come membro dell’Atelier Lyrique all’Opéra National de Paris, e in segutio al Festival di Salisburgo come parte del Young Singers Project. È stato anche artista stabile della Deutsche Oper di Berlino nel periodo 2006-2008, entrando nel circuito internazionale dopo essersi unito a Placido Domingo per interpretare la zarzuela Luisa Fernanda nel Theater an der Wien nel 2008. Joel Prieto ha vinto diversi premi nella edizione del 2008 del Concorso Operalia presieduto da Placido Domingo: il Primo Premio, Premio Zarzuela e Premio Culturarte. Ha anche ricevuto il premio “Voices of the Year” per la miglior voce maschile del 2013, assegnato dall’associazione di cantanti d’opera di Spagna.

Guardar[:de]

“La voce di Joel Prieto, facilmente prodotta e dalla grande forza, che con facilità mantiene un timbro di grande bellezza (la sua “Aura Amorosa” è stata una masterclass nel legato) ha dato vita a Ferrando”.

The Huffington Post

Dopo essere stato premiato all’unanimità con il primo posto del premio Operalia 2008 sponsorizzato da Placido Domingo, Joel Prieto è diventato uno dei più ricercati artisti della sua generazione, cantando nella maggior parte dei più prestigiosi teatri e sale da concerto del mondo. Nato in Spagna e cresciuto a Porto Rico, affascina il suo pubblico apportando profondità e sottigliezza ai suoi ruoli da protagonista, rendendo i suoi personaggi pieni di vitalità, eleganza e bellezza.

Joel Prieto inizierà la stagione 2017-2018 con Les Troyens alla Semperoper Dresden e con un Concerto di Natale al Centro de Bellas Artes di Porto Rico con il Coro San Juan Bautista e con la Sinfonica de Puerto Rico. Con il nuovo anno tornerà al Teatro Real per la prima a Madrid di Street Scene, di Kurt Weill; canterà il Requiem di Mozart a Porto Rico in un concerto nella programmazione del Festival Casals per poi tornare al Teatro Municipal di Santiago del Cile con il ruolo di Don Ottavio nel Don Giovanni, di Mozart. Prima dell’estate lo aspettano altre recite di Street Scene al Teatro Real di Madrid.

Nella stagione 2016-2017 vanno messi in risalto la sua partecipazione nel ruolo di Bénédict in una nuova produzione di Béatrice et Bénédict del Théâtre du Capitole di Toulouse (Francia); il suo debutto al Teatr Wielki di Varsavia come Tamino in Die Zauberflöte, che in seguito ha cantato anche al Teatro Bolshoi di Mosca e a Beijing nell’innovativa produzione di Barry Kosky y Suzanne Andrade per la Komische Oper Berlin; la Nona Sinfonia di Beethoven che ha cantato con la NHK Symphony Orchestra nel suo debutto a Tokyo. Prieto ha iniziato il 2017 con il suo primo Belmonte in Die Entführung aus dem Serail alla Los Angeles Opera, e ha interpretato lo stesso ruolo anche in una nuova produzione del titolo di Mozart nella storica Semperoper di Dresda durante la primavera e l’estate.

Nella stagione 2015-2016 sono da evidenziare il suo debutto al Teatro Real di Madrid come Tamino in Die Zauberflöte, il suo ritorno alla Staatsoper di Berlino cantando per la prima volta il ruolo di Steuermann in Der fliegende Holländer; ha debuttato al Aix-en-Provence Festival come Ferrando in una nuova produzione di Così fan tutte, un titolo che ha cantato anche al Festival di Edimburgo e al Mostly Mozart Festival al Lincoln Center di New York; oltre ad aver cantato il ruolo di Narraboth in versione concerto di Salomè con l’Orchestre National de Lyon.

Nella stagione 2014-2015 Joel Prieto è tornato al Gran Teatre del Liceu di Barcellona e ha debuttato al Festival di Spoleto, entrambe le volte come Ferrando in Così fan tutte; ha cantato Tamino in una nuova produzione al Teatro Municipal di Santiago del Cile; ha interpretato per la prima volta il personaggio di Fernando de la zarzuela Doña Francisquita al Théâtre du Capitole de Toulouse ed è tornato alla Opera di Porto Rico, questa volta come Ernesto nel Don Pasquale; ha debuttato al Santa Fe Opera ritornando nel ruolo di Belfiore in una nuova produzione de La finta giardiniera di Mozart, diretto da Harry Bicket; ha viaggiato a Mosca per offrire il suo primo concerto in Russia alla Dom Muzyki Chamber Hall, accompagnato al pianoforte da Semjon Skigin e ha cantato il suo primo Requiem di Mozart con la Houston Symphony diretta dal suo nuovo direttore musicale, Andrés Orozco-Estrada.

La stagione 2013-2014 ha incluso il suo ritorno alla Deutsche Oper di Berlino in una nuova produzione di Falstaff firmata da Christof Loy, Don Ottavio nel Don Giovanni e Iopas in Les Troyens alla Staatsoper di Berlino, tornando poi come Tamino, con René Pape, e facendo il suo debutto come Narraboth, diretto da Zubin Mehta; si è esibito al Festival di Glyndebourne in una nuova produzione di La finta giardiniera e ha interpretato per la prima volta Nemorino de L’Elisir d’amore, presso l’Opera di Porto Rico; nel settore concertistico, ha partecipato come tenore solista in una serata di gala di Natale a Vienna trasmessa in televisione, condividendo il palco con Angelika Kirschlager, Luca Pisaroni, Ursula Langmayr, la Wiener Knaben Chor e la Radio Symphonieorchester Wien.

Nelle stagioni passate Joel Prieto ha cantato Fenton alla Royal Opera House, Covent Garden di Londra, al Gran Teatre del Liceu e al Théâtre du Capitole de Toulouse; Don Ottavio al Festival di Salisburgo e alla Houston Grand Opera; Ferrando alla Bayerische Staatsoper di Monaco, al Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia, alla Washington National Opera, al Grand Théâtre de Luxembourg e alla Palm Beach Opera; Tamino alla Deutsche Oper di Berlino e alla Staatsoper di Berlino; Tebaldo de Romeo et Juliette alla Deutsche Oper di Berlino e un concerto alla Concertgebouw di Amsterdam; Ernesto nel Teatro dell’Opera di Roma, e Almaviva ne Il Barbiere di Siviglia all’Opera Porto Rico.

Joel Prieto ha collaborato con direttori come Fabio Luisi, Yannick Nézet-Séguin, Trevor Pinnock, Robin Ticcati, Daniele Gatti, Roberto Abbado, Ivor Bolton, Ottavio Dantone, Daniele Callegari, Zubin Mehta, Bruno Campanella, Adam Fischer e direttori di scena come Sir David McVicar, Robert Carsen, Claus Guth, Christof Loy, Francisco Negrin, Stephen Lawless, Daniel Satler, Emilio Sagi, Harry Kupfer, Frederic Wake-Walker e Hans Neuenfels, oltre a molti altri.

Ha cantato la Grande Messa in do minore di Mozart al Festival di Salisburgo, lo Stabat Mater di Haydn al Mozarteum di Salisburgo, La Creazione di Haydn al Teatro de la Maestranza di Siviglia e all’oratorio Die Geburt Christi, di Herzogenberg, nel Monastero di Wolhusen in Svizzera. Ha partecipato a una serata di gala a beneficio dal Pakistan con Anna Netrebko, Erwin Schrott, Anna Prohaska e Piotr Bezcala, alla Bergen Nasjonale Opera gala con Barbara Frittoli in Norvegia, e il Bad Kissingen Music Festival Gala. Ha inoltre offerto un recital alla Wigmore Hall di Londra insieme al pianoforte di Ian Burnside nel prestiogioso ciclo del Rosenblatt Recital.

Joel Prieto è nato a Madrid; sua madre è portoricana e suo padre è spagnolo. All’età di quattro anni si è trasferito a Porto Rico, dove è cresciuto, e attualmente vive tra Parigi e Berlino. Laureatosi presso la Manhattan School of Music, si è trasferito in Europa per motivi professionali, prima come membro dell’Atelier Lyrique all’Opéra National de Paris, e in segutio al Festival di Salisburgo come parte del Young Singers Project. È stato anche artista stabile della Deutsche Oper di Berlino nel periodo 2006-2008, entrando nel circuito internazionale dopo essersi unito a Placido Domingo per interpretare la zarzuela Luisa Fernanda nel Theater an der Wien nel 2008. Joel Prieto ha vinto diversi premi nella edizione del 2008 del Concorso Operalia presieduto da Placido Domingo: il Primo Premio, Premio Zarzuela e Premio Culturarte. Ha anche ricevuto il premio “Voices of the Year” per la miglior voce maschile del 2013, assegnato dall’associazione di cantanti d’opera di Spagna.

Guardar

Guardar

Guardar[:]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *